Riscaldamento a pavimento e parquet

Riscaldamento a pavimento e parquet possono convivere?

Iniziamo col dire che riscaldamento a pavimento e parquet possono convivere in tutta tranquillità!

Nei giorni di freddo intenso, il riscaldamento a pavimento può rivelarsi un comodo sistema per riscaldare la propria casa. E non occorre rinunciare alla posa del parquet in un ambiente in cui vi è un impianto di riscaldamento a pavimento!

Impianto riscaldamento a pavimento: cos’è?

Per chi non lo sapesse, l’impianto riscaldamento a pavimento è anche detto sistema a pannelli radianti ed è costituito da una serie di tubazioni a serpentina o resistenze elettriche che vengono poste sotto il pavimento. Questo sistema di impianto di riscaldamento a pavimento irradia calore dal basso verso l’alto in modo da riscaldare l’ambiente della casa in maniera uniforme.

L’impianto di riscaldamento a pavimento può essere ad acqua o elettrico: quello ad acqua sfrutta la circolazione dell’acqua riscaldata da una caldaia tradizionale, una pompa di calore, pannelli solari o un termocamino, l’impianto di riscaldamento a pavimento elettrico, invece,  sfrutta le resistenze elettriche, grazie ad un conduttore che viene attraversato da corrente elettrica e cede energia sottoforma di calore.

Riscaldamento a pavimento e parquet

Tra i punti a favore dell’impianto riscaldamento a pavimento ci sono sicuramente la migliore distribuzione del calore, nessun ingombro fisico rispetto ai tradizionali termosifoni e/o condizionatori e, non meno importante, il notevole risparmio energetico e dunque economico.

Di contro ci sono i costi di installazione, leggermente più alti rispetto ad altri sistemi di riscaldamento.

Ciò non toglie che il riscaldamento a pavimento è attualmente uno degli impianti più utilizzati nelle case.

Da qui il problema che tutti si pongono quando devono effettuare una posa di parquet in una casa in cui vi è un impianto di riscaldamento a pavimento. Ma come abbiamo già anticipato, il parquet e il riscaldamento a pavimento possono convivere senza alcun problema.

Riscaldamento a pavimento e parquet: quali parquet posare

Se da un lato il parquet, essendo in legno, è un pavimento vivo e dunque reagisce agli stimoli, dall’altro, il suo potere isolante impedisce il contatto diretto con il calore e ne permette una diffusione uniforme in tutto l’ambiente in cui è posato.

Quando si decide di installare un impianto di riscaldamento a pavimento e integrarlo con la posa del parquet, allora il segreto è tutto nella scelta della tipologia di pavimento: i parquet prefiniti tre strati, i parquet prefiniti due strati e il parquet in teak massello sono ideali in questo caso specifico.

Perché i parquet prefiniti sono adatti al riscaldamento a pavimento?

E’ molto semplice:

  1. si tratta di legni stabili e meno soggetti alla dilatazione termica;
  2. sono tipologie di parquet che ben si prestano ad una posa incollata, ideale per il riscaldamento a pavimento (utilizzando però colle senza formaldeide, una sostanza nociva che con il calore verrebbe rilasciata nell’aria);

In realtà, anche la posa flottante può essere contemplata nel caso di riscaldamento a pavimento, l’importante è utilizzare uno particolare tappetino sotto i parquet di cui abbiamo parlato, cioè il prefinito tre strati e due strati (il teak massello può essere postato solo con posa incollata).

Riscaldamento a pavimento e parquet

Senza entrare nel dettaglio tecnico di come deve essere realizzato il massetto riscaldante, della distanza alla quale devono essere posati i tubi del riscaldamento a pavimento, è importante sottolineare semplicemente che al momento della posa del parquet l’impianto di riscaldamento deve essere già entrato in funzione, per stabilizzare la superficie del massetto su cui dovrà essere posato il parquet.

Il nostro consiglio, comunque, è di affidarsi a tecnici competenti tanto per la regolazione iniziale della temperatura dell’impianto di riscaldamento, quanto per la posa del parquet in un ambiente così riscaldato, perché, sebbene non ci sia alcuna incompatibilità tra il riscaldamento a pavimento e il parquet, si tratta pur sempre di operazioni delicate.

Quello che possiamo assicurarvi è che la convivenza tra il riscaldamento a pavimento e il parquet, se ben posato, sarà lunga e confortevole: la conservazione del parquet sarà migliore, l’ambiente in casa, così come il tasso di umidità, sarà costante e il risparmio energetico assicurato!

Se non vi abbiamo ancora convinto e se volete saperne di più o desiderate avere maggiori dettagli tecnici, scrivete e commentate, saremo felici di rispondere a tutte le vostre domande! 😉

24 commenti
  1. renato
    renato dice:

    ho un pavimento in gres con serpentine di riscaldamento ad acqua calda nel massetto,posso posare un parquet flottante in rovere prefinito senza perdere troppo in efficienza?

    Rispondi
    • Roberto
      Roberto dice:

      Buongiorno Renato e grazie per la sua domanda.
      Dunque, il parquet in rovere si può posare sia sopra le piastrelle in gres, sia togliendo le piastrelle direttamente sul massetto. Non so quale delle sue soluzioni preferisce, ad ogni modo le rispondo per entrambe le situazioni.
      Se posa il parquet senza rimuovere le piastrelle in gres non si ha dispersione termica, ma essendoci uno strato maggiore di superficie, impiega più tempo per riscaldare l’ambiente; una volta raggiunta la temperatura mantiene il calore perché non c’è dispersione.
      Nel secondo caso, se toglie il pavimento in gres deve assicurarsi che il massetto sia fatto bene; in questo caso, può procedere anche ad incollare le doghe direttamente sul massetto e non deve necessariamente procedere ad una posa flottante.
      Spero di aver risolto i suoi dubbi, in ogni caso siamo a disposizione.

      se togli le piastrelle e il massetto +è fatto bene, puoi anche incollare le doghe direttamente sul massetto.

      Rispondi
      • Benedetta
        Benedetta dice:

        Buongiorno, ho lo stesso dubbio.
        Vorrei posare un prefinito sopra pavimento in grès, al di sotto del quale c’è un massetto con impianto di riscaldamento. Le opinioni sono discordanti; alcuni mi dicono di incollarlo, alcuni di effettuare la posa flottante. Qual’è la scelta migliore? Inoltre ė meglio un due strati o un tre strati?
        Grazie per qualsiasi suggerimento possiate darmi

        Rispondi
        • Roberto
          Roberto dice:

          Buongiorno Benedetta, grazie per la sua domanda.
          Se le piastrelle sono in buono stato e ancorate bene al massetto (dunque ci si può posare un pavimento in legno), è possibile procedere in entrambi i casi: incollato o flottante, tre strati o due strati.
          Se proprio deve scegliere, le consigliamo la posa incollata che può utilizzare in maniera indifferente per entrambe le tipologie di prefinito.
          Speriamo di aver risposto alla sua domanda e aver chiarito i suoi dubbi, in ogni caso, restiamo a disposizione.

          Rispondi
  2. marco martellucci
    marco martellucci dice:

    Buonasera sono marco,volevo fare una domanda: su un massetto premiscelato e impianto a pavimento ho posato circa due anni fa un teck massello da 1 centimetro.prima di posare ho acceso l,impianto per stabilizzare il fondo.a distanza di due inverni in alcune zone delle stanze si sono create delle micro fessure nelle giunzioni delle toghe.il posatore dice che è normale ed in estate spariranno per rimanifestarsi al prossimo inverno.tutto questo perché il legno si muove con il calore.e’ possibile o la situazione peggiorerà?

    Rispondi
    • Roberto
      Roberto dice:

      Buongiorno Marco, non capita sempre che si generino queste microfessurazioni tra le doghe, ma in effetti può succedere. Questo non compromette affatto l’integrità del pavimento e stia tranquillo, non peggiorerà ulteriormente.
      Detto ciò, con le variazioni di temperatura tra le varie stagioni si ridurranno e si evidenzieranno ciclicamente.
      Spero di aver risposto ai suoi dubbi, la ringrazio per la domanda e restiamo a disposizione.

      Rispondi
  3. Roberto
    Roberto dice:

    Buona sera, ti posso chiedere gentilmente quali sono i parametri per un riscaldamento a pavimento associato ad un pavimento il parquet. Dall’altezza del pannello radiante , allo spessore del massetto e al tipo di posa de parquet se incollato o flottante e anche allo spessore quel parquet??? grazie anticipatamente

    Rispondi
    • Roberto
      Roberto dice:

      Buongiorno Roberto, innanzitutto grazie per averci scritto.
      Dunque, quanto all’aspetto tecnico e alle caratteristiche del massetto radiante non possiamo esserle di aiuto perché non realizziamo noi i massetti radianti. Quindi, credo sia opportuno che chieda questi dettagli tecnici a chi materialmente curerà l’installazione di questo tipo di riscaldamento.
      Quello che possiamo dirle però è che sicuramente il parquet 2 strati e il parquet 3 strati sono adatti ad essere posati su riscaldamento a pavimento con posa incollata o flottante (la posa flottante può essere utilizzata solo per i pavimenti in legno 3 strati, che nel nostro caso, ha uno spessore di almeno 15 mm).
      Naturalmente, se desidera, possiamo aiutarla nella scelta delle tipologie di parquet e dei vari formati che produciamo, secondo le sue necessità, che può indicarci anche inviandoci una mail all’indirizzo info@delbasso.it.
      Grazie e buona giornata.

      Rispondi
  4. Benedetto
    Benedetto dice:

    Buongiorno, ho un impianto a pavimento con piastrelle. A distanza di 6 anni c’è stato un lieve cedimento di tutto il pavimenti che ora ha lasciato circa 2 mm dall’attacco del battiscopa o delle soglie. In più in alcuni casi sembra che si stia spaccando proprio la piastrella. Avrei bisogno di mettere un parquet e vorrei togliere le mattonelle, non riesco a capire come si possa non dovere posare un flottante visti tutti i residui che impedirebbero un corretto incollaggio del parquet. Non volendo aumentare lo spessore del pavimento quanto deve essere alto il flottante? Questo non creerebbe anch’esso uno spessore ulteriore? Esistono spessori minimi di parquet per questo utilizzo?

    Rispondi
    • Roberto
      Roberto dice:

      Buongiorno Benedetto, grazie per averci scritto.
      Dato il problema che si è generato nella sua abitazione, non posso consigliarle un tipo di posa rispetto all’altro senza che un tecnico verifichi lo stato del massetto. Potrebbe essere necessario, infatti, un ripristino del massetto e della sottostruttura e solo successivamente procedere con la posa del parquet (incollato o flottante). Senza conoscere questa informazione, non posso darle un’indicazione precisa. Gli spessori possono essere diversi e dipendono dalla sottostruttura del pavimento, nel nostro caso, per la posa flottante, abbiamo uno spessore minimo del parquet di 15 mm, per la posa incollata, uno spessore minimo del parquet di 10 mm.
      Mi dispiace non poter essere più dettagliato, ma è bene procedere con cautela per evitare di darle informazioni imprecise.
      Grazie e le auguro un buon fine settimana.

      Rispondi
  5. Bertha
    Bertha dice:

    Buona sera, la mia domanda invece è al contrario, vorrei valutare si acquistare un appartamento in un condominio dove è previsto che tutti gli appartamenti hanno riscaldamento fisso al pavimento,penso non faccia bene per la circolazione, se invece potesse posare del parket ho la garanzia che non si rovini e ci sia una riduzione di calore?

    Rispondi
    • Roberto
      Roberto dice:

      Buongiorno Berhta, non ci sono limitazione alla posa del parquet sul massetto radiante, l’unica differenza riguarda i tempi di riscaldamento del legno che variano leggermente a seconda dello spessore del pavimento in legno. Naturalmente è sempre bene verificare prima lo stato dell’appartamento, ma per essere sicura di non avere alcun problema, occorre solo prestare attenzione quando si effettua la prima accensione del riscaldamento a pavimento. Poiché esistono delle regole e dei parametri da rispettare quando si posa il parquet su un massetto radiante, è necessario che chi realizza il massetto radiante e quindi l’impianto di riscaldamento a pavimento e chi posa il parquet seguano attentamente la procedura corretta.
      Grazie per averci scritto e spero di aver risposto alla sua domanda.

      Rispondi
  6. Rocco
    Rocco dice:

    Buonasera
    Mi affido a voi esperti per un mio dubbio. Ho appena comprato un appartamento da ristrutturare ma non vorrei togliere le mattonelle e possibile mettere sopra queste un sistema radiante elettrico e parquet? Grazie mille

    Rispondi
    • Roberto
      Roberto dice:

      Buongiorno Rocco, secondo la nostra esperienza non è possibile mettere un massetto radiante senza rimuovere le mattonelle o comunque bisognerebbe verificarne attentamente lo stato. In ogni caso, noi possiamo consigliarla sulla scelta del parquet, purtroppo non sulla realizzazione di massetti radianti. Pertanto, le consiglio di rivolgersi ad un tecnico che possa darle informazioni più precise e dettagliate su questo sistema di riscaldamento e sull’opportunità di posarlo sopra le mattonelle. Restiamo in ogni caso a sua disposizione per tutto ciò che riguarda il pavimento in legno. Grazie per averci scritto.

      Rispondi
    • Roberto
      Roberto dice:

      Salve Riccardo, grazie per la sua domanda. Purtroppo è difficile rispondere non conoscendo il prodotto a cui fa riferimento e il modo in cui è stato realizzato. Posso sicuramente dirle che il nostro pavimento tre strati è assolutamente compatibile con il riscaldamento a pavimento, così come il nostro pavimento in legno due strati, ma, come le dicevo, non facendo la sua domanda riferimento ad un nostro prodotto, le consiglio di chiedere maggiori chiarimenti al suo fornitore e verificare che la composizione del pavimento tre strati sia compatibile con il riscaldamento a pavimento. Un caro saluto e se ha bisogno anche di un nostro preventivo, non esisti a scriverci una email.
      Grazie.

      Rispondi
  7. Alessio
    Alessio dice:

    Buongiorno,
    sto ristrutturando la mia abitazione con un tipo di impianto radiante a secco sopra il massetto quindi con la pavimentazione/parquet posato direttamente sopra l’impianto radiante?
    Ci sono tipi di parquet adatti da installare con questo impianto radiante, senza l’intervallo con il massetto?
    Alessio

    Rispondi
    • Roberto
      Roberto dice:

      Buongiorno Alessio, mi scusi per il ritardo nella risposta. Dunque, i nostri pavimenti in legno 3 strati sono perfettamente idonei ad essere posati su massetto radiante e pavimenti riscaldati, ma sempre con l’intervallo del massetto. Potrebbe anche non costituire un problema il fatto che non ci sia il massetto, ma per maggiore sicurezza, le chiederei di verificare con il posatore prima di procedere. Grazie e a disposizione per ogni ulteriore informazione.

      Rispondi
  8. Giusi
    Giusi dice:

    Buon pomeriggio,

    che spessore massimo deve avere un parquet da incollare sul riscaldamento a pavimento? 15 mm potrebbe andare bene o è troppo spesso quindi rende difficile la dissuasione del calore?

    Rispondi
    • Roberto
      Roberto dice:

      Buongiorno Giusi, con 15 mm di spessore non ci sono assolutamente problemi. Pensi che solitamente, noi installiamo il nostro parquet 3 strati con 17 mm su pavimento riscaldato senza alcun tipo di problema. Spero di averla aiutata e resto a disposizione. Saluti, Roberto.

      Rispondi
  9. Carlo
    Carlo dice:

    Buona sera roberto o acquistato un appartamento con il riscaldamento a pavimento fatto negli anni 80 quindi le piastrelle sono di marmo nn vorrei sostituire i pavimenti si potrebbe mettere un palchetto autoflottante con la relativa spugna??nn vorrei che poi con il palchetto sopra nn scaldi piu bene grazie e aspetto una sua risposta

    Rispondi
    • Roberto
      Roberto dice:

      Salve Carlo, sicuramente la capacità di riscaldamento si riduce un po’, ma non tanto da non scaldare affatto. Inoltre consideri che il legno è isolante, pertanto potrebbe impiegare un po’ di tempo in più per scaldare l’ambiente, ma poi trattiene il calore per più tempo. Le consiglio comunque di chiedere anche a chi si occuperà dell’installazione. Grazie e spero di aver risposto alla sua domanda. Saluti, Roberto.

      Rispondi
  10. anita
    anita dice:

    Buonasera, ho ristrutturato un appartamento e messo un pavimento radiante con sopra un parquet recuperato di larice rosso e di piastrelle di noce e ciliegio
    risultato:
    si é tutto allargato e rotto nelle giunture, il secco ha rovinato anche i mobili e io non piu come fare!
    si intravede il materassino sotto e il mio povero pavimento non so come potrò recuperarlo avete dei consigli?
    GRAZIE!

    Rispondi
    • Roberto
      Roberto dice:

      Salve Anita, mi dispiace per sua situazione, sicuramente chi le ha fornito il pavimento avrebbe dovuto consigliarla meglio sulla tipologia di pavimento più adatta ai pavimenti riscaldati, così da non avere problemi (posso dirle, ad esempio, che i nostri parquet prefiniti 3 strati sono tutti idonei ad essere posati su pavimenti riscaldati).
      Allo stato attuale, non saprei cosa consigliarle, se non di contattare il fornitore del parquet e chiedere spiegazioni o suggerimenti su come risolvere il problema. In ogni caso, bisognerebbe vedere lo stato della pavimentazione per capire se si può ripristinare il parquet esistente oppure va sostituito completamente. Spero tanto riesca a risolvere, mi faccia sapere cosa le risponde il fornitore, resto a sua disposizione. Saluti, Roberto.

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *